sabato 4 marzo 2017

Bellelli - AIMAG: il vero volto del potere

Quando nel 2013 fu chiaro che la candidatura a Sindaco di Alberto Bellelli non avrebbe avuto rivali interni di rilievo, in termini di consenso all’interno dell’apparato, la cosa fu comunque accolta positivamente anche da molti ambienti esterni al partito: Bellelli , all’epoca era dotato di un sorta di aurea positiva, derivante da indole piaciona e da una capacità comunicativa che lo rendeva "simpatico".

Fatto sta che, seppure oggettivamente non vi fosse alcun segnale di rinnovamento o cambiamento concreto dal punto di vista dell’impostazione amministrativa, i più sentirono comunque una sorta di “vibrazione positiva”, in quella che era meramente una successione dopo le giunte Campedelli, prevista dal giorno in cui Bellelli era diventato assessore.

Nel caso fossero rimasti dubbi, oggi sulla questione AIMAG, Bellelli invece chiarisce qual è il vero volto della sua amministrazione ovvero, come al solito, il classico bullismo da maggioranza.

Riassumiamo brevemente: in vista del procedere, lento e carsico, ma comunque procedere, delle trattative per la cessione di AIMAG ad HERA, si è ricomposto un fronte referendario, che già nel 2008 aveva promosso il primo referendum comunale, contro la prima (sciagurata) delibera che cedeva il 25% delle azioni della nostra ex municipalizzata ad HERA,  che da 9 anni intasca gli utili pagati con le nostre bollette, senza che AIMAG, come azienda, abbia mai visto nessuna delle mirabolanti “sinergie” previste nel piano aziendale presentato all'epoca per indorare la pillola (o la supposta).

 Il comitato carpigiano per l’Acqua Pubblica decide quindi di ritentare la carta del referendum, a 9 anni di distanza, avendo dalla sua la prova provata che le fusioni di ex municipalizzate sono funzionali solo a chi detiene in mano le leve finanziarie delle mega multiutilities, e del fatto che questa volta non si tratterebbe di una cessione parziale,  ma della cessione finale, nel rispetto di “patti” che la dirigenza di HERA continua a rivendicare verso l’amministrazione carpigiana (noti solo a loro).

Tralasciamo il merito della questione e veniamo ad una questione di metodo, indicativa della deriva “bullista” della giunta Bellelli: per indire un referendum servono le firme, le firme devono essere convalidate da un notaio o da un pubblico ufficiale. In tutte le elezioni e referendum nazionali a cui avete partecipato, quelle raccolte di firme erano normalmente convalidate da consiglieri comunali, che possono prestare la loro opera gratuitamente.
Per una “distrazione” nella redazione del regolamento comunale, l’unica cosa che non possono fare i consiglieri comunali è, paradosso dei paradossi, convalidare  le firme per la richiesta di referendum comunali.

La cosa è ovviamente senza logica e viene prontamente segnalata già nell’autunno scorso a Sindaco e Consiglio e qua comincia il “bullismo regolamentare” della maggioranza per una modifica che richiederebbe meno di cinque minuti con un voto consiliare, per correggere quella che a parole tutti riconoscono come “stortura”.

Davanti all’evidente refuso del regolamento comunale, la maggioranza prima invocò la necessità di un parere legale dalla Regione, che però non chiederà mai, lo faranno invece i cittadini del Comitato, ottenendo un parere favorevole da parte del Difensore Civico Regionale, che per altro invita l’amministrazione ad agevolare la partecipazione dei cittadini.

Davanti a questo risultato, il Comitato chiede al Sindaco di procedere alla modifica regolamentaria, prima di dare via alla raccolta delle firme (ce ne vogliono 2000 per un referendum comunale).
In modo del tutto assurdo, immotivato, se non appunto da una dichiarata volontà di ostacolare il percorso referendario, Sindaco e maggioranza negano questa possibilità; i consiglieri comunali che volessero convalidare le firme ai classici banchetti, non potranno farlo, obbligando gli organizzatori a dover “elemosinare” la disponibilità di dipendenti comunali autorizzati alla convalida, a fare, si suppone in orario di lavoro, quello che i consiglieri hanno sempre fatto volontariamente.

A mio modesto parere si tratta di una decisione vile e ottusa.
Decisione vile, perché non c’è niente di più triste specie per un Sindaco che gode della maggioranza assoluta dei consensi, che nascondersi dietro ai tecnicismi per ostacolare una prova di democrazia e partecipazione, tanto più quando il “tecnicismo” è universalmente riconosciuto come semplicemente sbagliato e illogico.

Ottusa, perché non capisce che così facendo , erge un ulteriore muro di incomunicabilità fra il partito  che lo sostiene e un pezzo di cittadinanza che chiede solo di potersi esprimere su una questione dirimente per la vita della nostra comunità.
 Viste le alte probabilità che il partitone riesca a convincere la maggioranza degli elettori carpigiani a stare a casa anche stavolta, rendendo nullo il risultato referendario, fare buon viso alle richieste del Comitato, gli avrebbe giovato in termini di popolarità e capacità di confronto, oggi invece definitivamente perse.

Un caso sintomatico di bullismo dei forti, che detengono il potere, e che trattano con disprezzo le istanze di chi potere non ha e che, come tutti i bullismi, ci dice molto delle insicurezze che devono attanagliare il Sindaco, incapace sin qui di dare una propria impronta amministrativa alla città,  se deve ricorrere a questi mezzucci per ostacolare un’iniziativa referendaria.

Se il Comitato riuscirà a raggiungere, nonostante l’ostracismo miope di Bellelli e del partitone carpigiano, le 2000 firme, per Bellelli sarà già una sconfitta, che poteva tranquillamente risparmiarsi, affrontando la questione a viso aperto, senza nascondersi dietro cortine fumogene regolamentarie.
Motivo in più per andare a firmare per la proposta del Comitato Acqua Pubblica di Carpi, lo si può fare all’ufficio elettorale, al QuiCittà, negli orari di apertura, e nei banchetti organizzati dal Comitato o dai gruppi consiliari che sostengono la proposta (se verrà permesso a qualche dipendente comunale autorizzato di essere presente in piazza).

P.S. : Da notare il silenzio assordante della  cosiddetta “sinistra” in giunta (ex SEL, oggi forse SI, domani magari MDP), dove l’assessore Galantini fa, ancora più vilmente di Bellelli, il pesce in barile sulla questione,

Come si sa, per certa politica, tira più un pelo di poltrona che un carro di buoi.